skip to main | skip to sidebar
64 commenti

Antibufala: “lunedì nero” per Internet

La piantiamo con questi isterismi? Lunedì Internet non collasserà


L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

"Internet oscurato da un virus - lunedì il rischio Apocalisse". Il rischio imbecillità, invece Repubblica ce lo offre subito, con titoli assurdi e spudoratamente falsi come questo.

Non ci sarà nessuna Apocalisse o oscuramento globale di Internet lunedì. Molto, molto più banalmente, quei pochi che hanno il computer ancora infettato dal malware DNS Changer non potranno più accedere a siti Internet da lunedì. Tutti gli altri continueranno a navigare come sempre. Fine della storia.

Se vi interessano i dettagli tecnici, ho scritto un articolo apposito per la Radiotelevisione Svizzera che spiega anche come verificare se per caso siete infetti da DNS Changer.

Le probabilità che lo siate sono minime. Secondo i dati più recenti, in Italia ci sono circa 26.000 computer (Windows o Mac) tuttora infetti da questo malware; in Svizzera sono meno di milleseicento. In totale, gli infetti nel mondo sono circa 300.000. Fate comunque il test; male non fa.

Per dirla tutta, chi è così inetto da essere ancora infettato da DNS Changer (un malware di cinque anni fa, riconosciuto da tutti i principali antivirus) merita di essere scollegato. Purtroppo non si può fare la stessa cosa con i giornalisti e titolisti che scrivono bubbole catastrofiste e causano panico senza motivo.


2012/07/08


Repubblica ha cambiato il titolo. Due volte. Prima ha scritto “Internet oscurato da un virus – Lunedì rischio di black out”. Poi ha ricorretto in “Lunedì, se il vostro PC è infetto non potrà collegarsi a Internet”. Una bella differenza rispetto al “rischio Apocalisse” iniziale. Ecco gli screenshot:


Il testo dell'articolo, però, non è stato sistemato a dovere. Stefano Zanero (@raistolo su Twitter), docente di computer security e informatica forense al Politecnico di Milano, ha mandato a Repubblica una strigliata epica che ripubblico qui con il suo permesso:

Subject: Articolo imbarazzante su tecnologia
Date: Sat, 07 Jul 2012 10:59:16 +0200
From: Stefano Zanero [indirizzo omesso per netiquette]
Organization: DEI - Politecnico di Milano
To: desk_repubblica.it@repubblica.it

Carissimi,

come spesso accade, l'articolo all'URL:
http://www.repubblica.it/tecnologia/2012/07/07/news/luned_nero_internet_stop-38668271/?ref=fbpr

contiene numerose, imbarazzanti imprecisioni, a cominciare dal titolo: "Internet" non sara' oscurato da nulla. E non ci sara' nessuna apocalisse.

Lunedi' i computer non saranno "a rischio infezione" (l'infezione ormai e' stroncata). Gli unici computer a rischio saranno quelli infettati mesi e mesi fa e da allora mai curati.

E no, non saranno "sbattuti fuori dal web", e tantomeno dall'FBI. Dite proprio bene: "Sembra la trama di un cyberthriller", e il vostro articolo lo e', perche' non riflette nemmeno lontanamente la realta'.

Non e' nemmeno vero che il malware "scatterà appena i pc o i tablet tenteranno di collegarsi al web, agendo sull'indirizzo Dns, quello cioè che ci consente di indirizzarci per le autostrade del web".

Il malware e' gia' "scattato", e ha gia' agito sull'impostazione DNS dei computer infettati. In buona sostanza, ha "sostituito" l'elenco telefonico che ognuno dei computer infettati consulta per navigare in rete.

Quando l'FBI ha abbattuto la gang che lo ha scritto, non e' stata "costretta così a 'ricostruire' il mondo Internet dei computer infetti". Ha semplicemente messo in rete, al posto del server DNS in questione, una batteria di server normali (ovvero, delle copie dell'elenco telefonico giusto).

Quello che succedera' lunedi' e' che questo sistema-tampone verra' spento. Quindi, senza panico e terrore, semplicemente quei computer non ancora rimessi a posto avranno delle difficolta' a navigare e dovranno rimettere l'impostazione del server DNS corretto, quello del loro provider. Tempo di una telefonata di 15 secondi a un tecnico.

Per cui e' sbagliato dire "Da questo momento in poi, insomma, i nostri computer non saranno più protetti: ma visto che i siti pirata sono già stati bloccati, la conseguenza sarà il blocco totale di Internet. Non riusciremo più a collegarci. Black Out. Buio completo."

Come si coglie dal resto dell'articolo, si tratta ormai di una minaccia residuale. Sono ben altri i problemi seri e correnti di sicurezza che meriterebbero una trattazione. Ma forse, vista la qualita' di questo articolo (e altri precedenti), meglio che non li trattiate.

Non commentero', perche' sarebbe tempo perso, sul fatto che chiamare gli autori di malware "hacker" sia sbagliato. Se volete, chiamatemi e ve lo spiego, ma sono certo che ci vorra' un lungo corso di rieducazione al corretto uso dei termini.

--
Cordiali saluti,
Stefano Zanero
Docente di "Computer Security" e "Informatica Forense"
Politecnico di Milano - Dip. Elettronica e Informazione
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi.
Siate civili e verrete pubblicati, qualunque sia la vostra opinione: gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo sito. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti.
Commenti
Commenti (64)
E dovrei fidarmi di una persona qualificata, da anni in questo settore e che verifica sempre la veridicità delle notizie? No grazie, preferisco credere, come molti dei miei connazionali, all'ennesima notizia riportata a caso da qualche blog complottista.

Sdrammatizziamo così perché mi sono già arrivare mail allarmate dai clienti -_-
Scrivere articoli verificando di cosa si parla può benissimo prendere ore/giorni. Copiare da fonti casuali e gonfiare il caso con titoloni credo richieda pochi minuti. Quindi, i giornalisti di serie C... cosa fanno tutto il giorno?
la sezione internet e tecnologia di repubblica.it è scritta da incompetenti e fanboys apple, una roba penosa.
Detto ciò, per fortuna una persona così in vista come te ha scritto questo articolo, grazie :)
Ahahahah! Addirittura erano arrivati all'Apocalisse!
San Giovanni dovrebbe scendere a prenderli a calci nel sedere a quelli di Repubblica!
..ru Repubblica sono già passati da "Lunedì il rischio apocalisse" a "lunedì rischio black out". In un paio d'ore arriveranno a scrivere "lunedì qualche computer scollegato" :-)
grazie!
No, non la pianteranno mai... questo è il loro modo di fare notizia.
tra l'altro negli articoli non spiegano mai perchè "per colpa dell'fbi".. che è quello che ha "salvato" centinaia di migliaia di pc infetti 5 anni fa...
hanno già cambiato ''Apocalisse'' in ''black out''
L'ho letto ieri l'articolo di Repubblica, il primo capoverso è un vero bijou... "chiunque cercherà di avventurarsi sui siti più famosi di tutto il mondo, da Facebook ad Apple, passando per gli indirizzi perfino dell'Fbi, sarà sbattuto fuori dal world wide web"... ma la perfezione la raggiunge il quarto, dove "nessuno può dormire tranquillo" a causa della "pericolossima centrale di hacker" che è riuscita ad "impossessassarsi di oltre quattro milioni di computer"!
Secondo me Repubblica è la versione italiana del The Onion e nessuno l'ha mai capito!
Repubblica.it una delle più grandi testate info in Italia. Poi come si fa a fidarsi dei giornalisti se pompano una piccola semplice notizia di sirucezza informatica fino a fara diventare APOCALISSE....... rob de matt...
Anche io ho pensato la tua stessa cosa Paolo appena l'ho letto stanotte, e di fatti dopo poco avevo già mandato una mail all'autore dell'articolo in cui criticavo l'inutile allarmismo volto solo a far notizia e non ad informare...certo che anche Telecom che segnala il "pericolo" con mail modello "spam" non è proprio il massimo...
eheheheheheh

Quando un amico mi ha linkato l'articolo di Repubblica ho pensato di non aver mai letto così tante ca**ate in un articolo solo. Poi sono passato qui, certo che te ne saresti accorto anche tu.
Ma basta, ma 'sta gente è anche pagata e magari profumatamente...? Alla faccia della crisi...
Siamo d'estate, le visite son poche e devono incrementarle con titoli catastrofisti come quello.. inutile dire che sono ridicoli, anche se repubblica non è nuova a titoli del genere.
Questo articolo meriterebbe il licenziamento del giornalista e le scuse della testata. Incompetenza pura.
Ma è Repubblica.
Lunedì è un segno dell'apocalisse prevista dai Maya, attenzione miscredenti!
Come ha previsto anni addietro il grande Peter Venkman i prossimi segni saranno Sacrifici umani, cani e gatti che vivono insieme! Masse isteriche!
Test superato!
Ma d'altra parte, in dieci anni di mac non ho mai visto l'ombra di un virus o di un malaware (e mai usato un antivirus). Quindi, per me nulla di nuovo :-)
Comunque grazie.
Stamattina, dopo aver visto il servizio(?) di Repubblica e dopo aver segnalato al blog PPR (http://pazzoperrepubblica.blogspot.it/) le corbellerie (eufemismo) dell'articolo, il curatore del blog stesso ha pubblicato il mio commento che conteneva il link al tuo blog.

Ora c'è anche il tuo post!

Speriamo che sia l'ultima anche perché questo blog è seguito dai giornalisti di Repubblica, a tutti i livelli....e lo spu*****mento per il curatore del post è assicurato.

Marco
Grazie delle tue sempre precise informazioni
Anche sul Fatto, piccolo box finale con una spiegazione non del tutto allarmante, ma, insomma... Quando ti sbandierano un virus che forse potresti avere annidato nelle parti intime del tuo computer, senza saperlo, da anni, e nominano servizi segreti e complotti, be', cominci a guardare in cagnesco il tuo povero antivirus e corri su questo blog.
Centra niente, ma io oggi ho mezza internet rotta :\

siti come news.ycombinator.com, slashdot.com, jquery.com e la parte statica di imgur.com non rispondono :\

no, c'entra niente sul serio, sto usando linux, ma ho lo stesso problema sia con i dns di infostrada (il mio provider) che con quelli di google (8.8.8.8) che con quelli di opendns

Mah...
Ieri sera,leggendo i vari articoli, ho subito cercato su google "dns changer bufala", per vedere se qualcuno aveva già tentato di spiegare che non poteva essere altro.
I media fanno leva sulla ignoranza generalizzata dell'utilizzatore medio (ignoranza comprensibile, non si tratta di una critica)
ma basta leggere 3 o 4 fonti diverse per capire che qualcosa non quadra
chi parla di 5 milioni, chi di 300 mila, chi di poche decine di migliaia, chi sostiene che il virus <è nato nel 2007, chi nel 2011, chi non lo dice. Inoltre, i famosi server dovevano essere spenti nel marzo (quando oltretutto a rigor di logica i pc infetti dovevano essere molti di +)
poi, passiamo alla descrizione sommaria dell'azione del virus: si installa, cambia il dns e qualcuno ha aggiunto: si disinstalla da solo. Bah.
Infine: i siti a disposizione ti danno la possibilità di verificare se hai il virus, poi, ti dicono come fare a modificare il dns. su internet explorer.
Allora, premesso che avete già spiegato che 5 milioni di pc al mondo sono veramente pochi x parlare di apocalisse, analizzando superficialmente i dati e le incongruenze (mi fa scassare quell'immagine con le lucine accese che sta girando in rete) si comprende subito che si tratti di una notizia bufalina.
Poi, dal 2007 a oggi mannaggia miseria, non è uscito un fix che risolva il problema? ah già, il virus si autodisinstalla. e allora perché ti consigliano l'antivirus?? se basta cambiare il dns, lunedì accendo, non mi collego e ci arrivo subito: cambio il dns (che poi me lo da automaticamente il provider.. anche lì..) perch<è devo formattare come sostengono loro?
e poi, io il dns non lo modifico dalle proprietà di ie, o di qualsiasi browser, ma dalle connessioni di rete. e il dns è sempre quello del router/modem. Rìbah..
Non è che qualcuno vuole vendere un po' di antivirus?
oppure vuole curiosare nei nostri pc???
Sarà, ma a me sta storia suona male..
cari saluti ragazzi, un abbraccio da un ignorante in informatica
Ecco, menio male. Già solo leggendo l' articolo di Repubblica, proprio il modo in cui è scritto, ho pensato alla bufala, ma non ho pensato di venire a vedere qui, in genere mi limito a cercare hoax + un paio di aprole chiave. Poi un virus di 5 ani fa? In 5 anni mi sono morti un paio di laptop e il computer grande (quello hanno provveduto i bambini, ma pazienza, sono o non sono nativi digitali? E allora digitano). No, no, qui abbiamo una selezione naturale spietatissima sui virus.
poi dimenticavo.. si parlava di 300 mila sistemi in america, e si parlava del 4% di aziende facenti parte nientepopodimenoche della classifica di fortune500.
quindi, 20 colossi americani avrebbero avuto problemi seri lunedì prossimo,, mappporcccacciìaladra, ma come diavolo si può credere che in aziende di un certo livello non abbiano sistemi di protezione aggiornati? e poi, il virus può colpire il pc del singolo impiegato, ma in un azienda il dns è centralizzato, anzi ve ne sono decine, poi su internet ci passi attraverso una serie di proxy watchdogs firewall e chi più ne ha più ne metta
ma se ne andassero afffffffffff
Vabbè, solo perché ci sarà qualche beghino che gli avrà rotto le scatole.
C'e' un'inesattezza nel testo: i computer infettati potranno connettersi ad Internet, ma non potranno risolvere gli indirizzi.
Ennesimo cambio di titolo.
Ora è il manifesto dell'understatement: se siete infetti vi scollegano.

Devono bazzicare il disinformatico XD
Beh dai, questo articolo di Repubblica ha una sua intrinseca funzione: tutti gli smanettoni di pc che in questi mesi si sono ritrovati senza amici e parenti, da domani avranno la casa/studio invasa dagli stessi, armati dei loro desktop e portatili. Gente che si spaccia e si millanta di essere un cugino lontano o un'amica delle elementari... Non é ironico, a me era successo giá con love letter. Tornando a casa dal lavoro ho trovato a casa mia ad aspettarmi gente che non sapevo chi fosse con tanto di computer "malato" al seguito. Da riparare. Mica per una birra...
sulla home page della sezione tecnologia il titolo c'è ancora https://p.twimg.com/AxRPzYACEAAPViU.jpg:large
Paolo, non so se hai visto, ma ti hanno citato su tgcom per l'articolo del Lunedì nero del web.

Inoltre hanno attinto dal blog per il video della NASA sulla nostra terra che hai pubblicato ieri...
ti hanno citato su tgcom per l'articolo del Lunedì nero del web.

Non avevo visto; grazie.
forse vi e' sfuggita questa perla:

---------
I computer Apple, si sa, sono molto meno esposti dei cugini rivali
che girano su Windows agli attacchi dei pirati
---------

mi immagino tutti questi computer che girano su Windows come tanti elicotteri che girano sulle pale, o tanti rubinetti che escono dall'acqua, o tanti pneumatici che riparano i gommisti...

Mauro
Il mio computer è pulito, ma non ho pensato un attimo al disfattismo predicato
non per niente si chiama Re-Pubblica.
Perchè Re-Pubblica articoli del cazzo che trova in giro senza verificarne la fonte :|
Sarebbe gradito il link al test vero, non quello alla pagina web con scritto che sei infetto che ti linka all'altra pagina dove fa pubblicità agli antivirus, grazie.
Sarebbe gradito il link al vero test, non quello che hai messo che ti linka ad una pagina che dice che il computer è compromesso (che poi sono righe di testo, non il risultato di un vero test, perchè non è avvenuta alcuna scansione) per far pubblicità agli antivirus. Grazie.
Paolo,

a quale link ti riferisci?
chi è così inetto da essere ancora infettato da DNS Changer (un malware di cinque anni fa, riconosciuto da tutti i principali antivirus) merita di essere scollegato

ahahhahahahhah ho le lacrime

ti stimo
Grazie, Paolo, per il tuo continuo e preciso lavoro d'informazione! Seguo da anni la tua attività in rete, che mi è stata sempre utile per cambiare la mentalità e correggere le "cattive abitudini" informatiche delle persone che conosco. Penso proprio che dovrò effettuare una donazione per ricompensarti!!! :-)
Giusto ieri una mia parente mi ha descritto nel dettaglio l'ennesima "sola" costruita dalla pseudo informazione. Sapevo che al 99% avrei trovato la smentita qui... che pena, pero', ogni volta.
#35 Paolo Di Vico : non serve nessuna scansione per rilevare se sei infetto, ma una semplice pagina web.
Per liberartene invece si, serve l'antivirus.

Se hai fatto il test (il link nell'articolo È il test) e la pagina ti dice che sei infetto , allora è il caso di dare un'aggiornata all'antivirus e fargli fare una bella passata. ;)
Mi fa tanta rabbia chi diffonde notizie senza verificarne le fonti, solo perché si è alla ricerca di sensazionalismo! Se racconti della scoperta di un nuovo insetto non ti considera nessuno, se prevedi catastrofi tutti dicono "ooooooooooooh" e ti danno ascolto. Sono proprio le notizie clamorose che si diffondono, quando invece si dovrebbe informare...
Scusate ma mi sembra che qualcuno se la prenda un po' troppo con repubblica. Si tratta di un argomento tecnico ed è normale in tutti i giornali non specialistici dare notizie vaghe e manipolate per attirare il lettore. Inoltre il link per il test sembra una bufala: sulla pagina c'è scritto che è stato realizato da TELECOM ma facendo una ricerca risulta essere al nome di un certo FRANCESCO FIGURELLI e per di più registrato con ARUBA XD Se qualcuno me lo può spiegare sarei contento. Infine non ci vuole un professore universitario per capire che non ci sarà nè una apocalisse digitale nè tantomeno quella universale e chi ci crede merita di essere scollegato!
Anche Virgin Radio ci casca: stamattina al giornale radio se ne sono usciti con qualcsa tipo "oggi ci saranno problemi in Internet! Alcuni dicono che sia una bufala ma secondo altri è vero"...

Già il giornali radio di Virgin fanno ridere, questo poi...
Zanero santo subito
Repubblica si lancia in spiegoni tecnici (qui):

La causa è l'ormai famigerato DnsChanger 1, un malware che ha infettato migliaia di dispositivi elettronici ed è in grado di sabotare il Dns, il servizio che permette di navigare in internet trasformando i numeri ip identificativi dei server in indirizzi testuali (come www.repubblica.it).

WHAT???
Poche idee e ben confuse: http://www.corriere.it/scienze_e_tecnologie/12_luglio_06/il-giorno-dell-apocalisse-di-internet-il-nove-luglio-per-operazione-fbi-antivirus_3fcf2304-c765-11e1-96dc-1183a294894f.shtml

Non fa ca*are solo nei contenuti ma nache nella forma..

PS non ho capito se chi ha scritto qua per avere un link vero, al posto di quello che gli dice che il suo pc è compromesso, scherzasse o cosa..

Con l'occasione ringrazio tutti quelli che pensano l'aver capito dove stà il tasto Accensione significa essere esperti di informatica (o che hanno l'amico "che ne sa" xké ha capito pure come funziona il tasto): se non ci fossero loro, io ed altri professionisti saremmo disoccupati!!! XD

Ciao!
Marco: la spiegazione del test la trovi nella lettera in coda al post. in pratica il test non fa altro che verificare se il server Dns a cui punta il computer fa parte di quelli dei malintenzionati. Semplice. cosa non ti convince? Che l'ha scritto un italiano? che non fa installare nulla (non é necessario)?

E no,, non é una scusante dire che "non é una testata specializzata" per perdonare le cavolate e le notizie inutilmente allarmistiche. Non sai? Ti informi e chiedi anche solo a un tecnico IT che hai in redazione: i dns son conoscenza base delle reti e di one funzionano.
Il professo Zanero si è sfogato con Repubblica, ma servirà a qualcosa?
In Italia ci sono precedenti in cui qualcuno dopo aver elevato una protesta per la cattiva copertura di un argomento sia stato contattato sentendosi dire "si lei ha ragione, le chiediamo se è disponibile per implementare la qualità della nostra offerta" ?
@ Lupo

i dns son conoscenza base delle reti e di one funzionano.

Ed i tasti sono la conoscenza base della videoscrittura e di come funziona. ;DDDDD
ma la cosa bella (o brutta, vedete voi) di Repubblica è il fatto che cambiano il titolo ma non il contenuto dell'articolo O.o se non ho visto male..
O.T

http://www.repubblica.it/tecnologia/2012/06/29/news/google_crea_un_cervello_elettronico_16mila_computer_per_immaginare_un_gatto-37997440/

qui c'è lo zampino di Paolo :D
Yeah.. se la contano e se la ridono: http://www.repubblica.it/tecnologia/2012/07/09/news/web_blackout-38759817/
"Fortunatamente, però, quasi tutto è filato più o meno liscio e non si sono verificati i disagi preventivati alla vigilia".. cioè: prima preannunciano l'apocalisse informatica, poi ne parlano come dire "ma si dai, non ci avrete mica creduto?"
Per quanto sconclusionato almeno l'articolo del Corsera che ho segnalato prima dava dei numeri che lasciavano capire lo scarso impatto dello spegnimento del server, loro no.. ed ora parlano di scampato pericolo? 'mazza oh: che informazione approfondita che danno!
Stu: stavo scrivendo dal cellulare, caxxarola :p
Oggi la connessione internet si è ammutolita... chiamato il provider mi ha fatto cambiare i DNS... Macchecc...

Tengo il computer lindo e pulito, aggiorno regolarmente l'antivirus, tengo il database dei programmi sempre sotto controllo con PSI, faccio scansioni antivirus, anti malware e backup ogni settimana, non navigo in siti strani, non installo cose strane, ho fatto il test di Telecom con esito positivo, ieri il computer funzionava ed oggi... DNS farlocchi... Mapporc...

NRVOSO!!!!! FSTIDIO!!!
Stupido cane:
Confessa! Secondo me hai visionato l'ultimo film della prossima ministro delle finanze italiano! ;-)
E dire che bastava copia-incollare la prima parte di questa paginetta dell'fbi:

http://www.fbi.gov/news/stories/2011/november/malware_110911
Anche se ho il sospetto che fosse colpa dell'ISP... A memoria i DNS mi sono sembrati "ancora buoni". Non guardo i DNS ogni giorno, ma mi sono sembrati quelli originali... tra l'altro mi ha fatto mettere dei DNS mooolto strani... Per buona misura ho "scansato" il PC con l'antivirus ed indovinate un po'? Nulla...

Qui qualcuno ha la coda di paglia... Che fosse il server dell'ISP ad aver problemi?? E' poTTibile?
Possibilissimo che siano i DNS del provider a far casino. Personalmente consiglio di usare i DNS di Google (8.8.8.8 e 8.8.4.4) oppure OpenDNS (208.67.222.222 e
208.67.220.220 www.opendns.com per i dettagli).

Potete settarli direttamente nel vostro rounter (se ne avete la password) oppure modificare la configurazione locale del computer nel pannello di controllo rete.
Infatti mi ha fatto mettere quelli di Google. Che io reputo comunque strani... :)
Ciao Paolo, tra le perle del lunedì nero di internet c'è anche quella de LaStampa, da apprezzare perchè usa una mia foto (!) con il logo del mio negozio (!!) e il nome oscurato... Ora io capisco che chiamandomi Virus Srl un po' me le vado a cercare, ma anche loro sbattersi un minimo a fotografarsi il loro pc no?? Che dici, posso fargli causa??

http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tmplrubriche/tecnologia/grubrica.asp?ID_blog=30&ID_articolo=10646&ID_sezione=38

Lunga vita e prosperità
Max
OT:
su Repubblica hanno pubblicato le risposte alle obiezioni riguardanti l'auto ad aria compressa:

http://download.repubblica.it/pdf/2012/motori/Commentirisposte.pdf

Voi che siete certo più esperti di me potete valutarne la credibilità e la sensatezza a livello tecnico, ma non fatele leggere ad Accademia, rischierebbe un collasso grammaticale :-)
Ehi Paolo, ti ho appena sentito su RMC! :-)
non ho il malware comune la pagina web del test non funziona :)