skip to main | skip to sidebar
12 commenti

Attenzione ai limiti dei sensori d’impronta: causano litigi e un atterraggio d’emergenza

Molti utenti hanno uno smartphone dotato di sensore d’impronta e sono abituati a pensare che il telefonino sia quindi ben protetto da accessi indesiderati o inopportuni, ma una notizia pubblicata dal Times of India offre un esempio delle conseguenze decisamente estreme di questo eccesso di fiducia.

Il 5 novembre scorso un volo della Qatar Airways fra Doha (in Qatar) e Bali (in Indonesia) è stato costretto ad effettuare un atterraggio d’emergenza a Chennai, in India, a causa delle intemperanze di una passeggera. La donna, infatti, ha approfittato del fatto che il marito si era addormentato per prendergli il dito e appoggiarlo sul sensore d’impronta del telefonino (quello del marito), sbloccandolo e sfogliandone il contenuto.

Nel telefonino ha scoperto messaggi che ha interpretato come prova schiacciante dell’infedeltà del coniuge. Questo, insieme ad uno stato di ebbrezza, ha innescato una zuffa tra moglie e marito (che a questo punto presumibilmente ha smesso di dormire) che ha coinvolto anche il personale di bordo.

Vista la situazione, il comandante del velivolo ha deciso di far scendere la coppia scoppiata, insieme al figlio, e ha fatto scalo d’emergenza a Chennai, scaricando i tre per poi ripartire per la destinazione iniziale.

Morale della storia: il sensore d’impronta è molto efficace, ma ha dei limiti che è meglio conoscere.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati manualmente da un moderatore a sua discrezione: è scomodo, ma è necessario per mantenere la qualità dei commenti e tenere a bada scocciatori, spammer, troll e stupidi.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui e/o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (12)
Se avesse usato il riconoscimento tramite scansione dell'iride, avrebbe potuto dormire più tranquillo :-D
Se non ti conoscessi, direi che questo titolo (ed articolo) e un "acchiappa click" :-)
Sempre detto io... meglio non nascondere mai nulla!!
Uhm... devo andare a rispolverare quel l'account che aprii 3 anni fa per vedere un gruppo chiuso al pubblico che mi interessava...
Forse nemmeno Boldi e De Sica erano mai arrivati a tanto!
Col faceId sarebbe stato molto più facile
@Barbagianni: ne sei proprio sicuro? Face ID non funziona ad occhi chiusi https://www.kaspersky.it/blog/apple-face-id-security/14241/
Ciao , non mi sembra sia il sensore ad avere dei limiti ma le persone ad avere degli eccessi
Diciamo anche che ... tra moglie e marito, non mettere il dito.
Eventualmente ce lo mettono loro.
Direi che "il dover dormire" è una vulnerabilità dell'essere umano.. piu che una vulnerabilità del sensore d'imporonte che in questo caso ha fatto esattamente ciò per cui era stato programmato, ovvero sbloccarsi con l'esatto dito con cui era stato programmato..
In effetti l'impronta digitale puo' essere usata anche se non vuoi (o se sei morto)...
Comunque mi sono immaginato la scena del pilota che butta fuori i tre a calci nel sedere e riparte sgommando... :P
Mi viene in mente un video che avevo visto qualche tempo fa https://www.youtube.com/watch?v=fawPebE75xA :D